Moscadello Di Montalcino - Caprili

Torna alla lista dei vini assaggiati

Moscadello di Montalcino - Caprili


<P>Questa settimana I Segreti di Bacco ha assaggiato per voi il Moscadello di Montalcino dell’Azienda Agricola Caprili.</P> <P><BR>L’azienda, sorta nel 1965, si trova nel Comune di Montalcino con i suoi 58 ettari vitati che si estendono sul versante della collina che scende verso i fiumi Orcia ed Ombrone.<BR></P> <P>Nel corso degli anni gli investimenti dell'azienda nella viticoltura sono stati molti e concentrati all'ottenimento di uve di grande qualità, grazie anche alla collaborazione con l'Università di Scienze Ambientali di Siena con la quale sono stati portati avanti diversi progetti, alcuni dei quali ancora in corso.<BR></P> <P>Il vino che vi presentiamo oggi è frutto di un’attenta selezione di uve Moscato Bianco (100%), selezionate dal ceppo originario, la cui caratteristica è una scarsa produzione di uve in grappolo spargolo.<BR></P> <P>L’azienda Caprili vinifica esclusivamente le uve prodotte dai propri vigneti allevati a cordone speronato e posti ad un altitudine che va da 225 ai 330 mt sul livello del mare. L’esposizione a sud-ovest dell’azienda gode dell’azione mitigatrice dei venti che evitano ristagni di umidità che possono arrecare attacchi fungini ai vigneti. Pertanto gli unici interventi in vigna sono a base di sostanze di contatto come rame e zolfo.<BR></P> <P>La vendemmia avviene ancora manualmente in piccole cassette con selezione in vigna dei grappoli migliori che vengono subito portati in cantina per la vinificazione.<BR></P> <P>La fermentazione avviene in serbatoi termocondizionati ad una temperatura di 15°C seguendo processi naturali ed evitando aggiunte di lieviti selezionati: si privilegia, infatti, l’uso di lieviti autoctoni contenuti nelle uve stesse che conferiscono al vino una sua precisa identità territoriale ben riconoscibile, ma allo stesso tempo mai omologata nel gusto e nei profumi, assecondando piuttosto la mutevolezza dell’andamento stagionale delle annate. <BR></P> <P>Una volta raggiunta la gradazione alcolica desiderata, la fermentazione viene bloccata portando il mosto parzialmente fermentato a 0°C. Vengono quindi effettuati diversi travasi e filtrazioni fino all’imbottigliamento nel mese di dicembre.<BR></P> <P>Il Moscadello di Montalcino Caprili può affinare in bottiglia per diversi anni regalandoci un bellissimo vino di colore giallo dorato tenue che al naso sprigiona un profumo pieno e fruttato, con una leggera nota acerba. L’aroma di moscato è equilibrato e fresco e il sapore amabile si abbina superbamente con dolci secchi tipici della cucina senese o in generale con i dessert. Ottimo anche sulle macedonie di fragole e frutti di bosco e in aperitivo, per far risaltare, per contrasto, il sapore dei crostini della gastronomia locale.<BR></P>