Amarone Della Valpolicella Classico - Brigaldara

Torna alla lista dei vini assaggiati

Amarone della Valpolicella Classico - Brigaldara


Questa settimana I Segreti di Bacco ha assaggiato per voi l’Amarone della Valpolicella Classico dell’azienda Brigaldara.

L’azienda sorge a San Floriano, in provincia di Verona, in un luogo appartato e meraviglioso. La villa e i rustici che compongono questo gioiello del veronese hanno una storia centenaria e, con il passare dei secoli, i vigneti sono stati ampliati con l’acquisizione di terreni nei paesi di Marano, Fumane e Grezzana.
Il vino che vi presentiamo oggi nasce da accurate selezioni di  uve Corvina (50%), Corvinone (20%), Rondinella (20%), Molinara e Sangiovese (10%) allevate in vitigni che si estendono su una superficie di circa 7 ettari posti ad un’altitudine di 250 mt slm. I vitigni accolgono poco più di 4.000 ceppi, nel pieno rispetto della filosofia aziendale: ricercare la qualità ad ogni costo, riducendo anche le rese di ogni impianto per permettere alle uve di esprimersi al meglio e di crescere sane e rigogliose.
 
Le uve vengono raccolte ancora manualmente, selezionando in vigna i grappoli migliori che subiscono successivamente un leggero appassimento in cassetta nel fruttaio. La tradizionale vinificazione in rosso è caratterizzata da un lungo contatto con le bucce e da frequenti rimontaggi, a cui fa seguito la maturazione effettuata in botti per circa 3 anni.
Una volta terminato il processo di vinificazione, il risultato è sicuramente notevole, nel pieno rispetto delle aspettative: l’Amarone della Valpolicella Classico si presenta di colore granato intenso ed è contraddistinto da un profumo etereo di uva passita, pieno ed avvolgente, caldo, potente, ma nel contempo molto morbido. 
Colpisce per l’austerità degli aromi che sanno di frutta croccante, pepe e terra. Al palato inizia asciutto e minerale e termina più rotondo e cremoso, caratteristiche che bene si abbinano con lo stracotto, gli arrosti in genere e, ovviamente, con il “brasato all’Amarone”. Meglio ancora viene valorizzato in sontuosi pasti di cacciagione di pelo.