Sagrantino Di Montefalco DOCG 2004

Torna alla lista dei vini assaggiati

Sagrantino di Montefalco DOCG 2004


Questa settimana I Segreti di Bacco ha assaggiato per voi il Sagrantino di Montefalco dell’Agricola Goretti.

La Cantina Goretti sorge a 5 minuti da Perugia ed ha visto generazioni succedersi alla sua guida, con orgoglio e passione, per cercare di regalare sempre la qualità dei propri prodotti, frutto di un profondo legame tra tradizione e sperimentazioni più moderne e di una forte conoscenza delle loro terre e del clima.   
Gli sforzi della Goretti sono tutti incentrati sull’innovazione incessante dell’azienda, continuando però a mantenere un occhio vigile sulle preziose e sapienti svolte apportate dalle generazioni precedenti, tantoché le Cantine sono tramandate di padre in figlio, rispecchiando a pieno la tradizione con una  conduzione aziendale familiare.
Il vino che vi presentiamo oggi nasce da un’attenta selezione di uve Sagrantino (100%), coltivate a 400 mt s.l.m., con il sistema d’allevamento a cordone speronato, su di un terreno calcareo-argilloso e ghiaioso esposto ad est-ovest.
L’azienda riesce a tenere sotto controllo la maggior parte dei fattori che incidono sulla produzione dei loro vini monitorando tutto il ciclo vegetativo per l’intero anno, usando un ridottissimo apporto di fitofarmaci e realizzando la potatura verde, che consente l’eliminazione dell’eccedenza a favore della qualità.    La vendemmia viene eseguita esclusivamente a mano durante la prima metà di ottobre. Le uve vengono quindi pigiate in modo soffice e lasciate fermentare in acciaio inox per circa due settimane a temperatura controllata, tra i 28°C e i 30°C.
L’invecchiamento avviene in legno, per un periodo che varia dai 12 ai 18 mesi, con un seguente affinamento in bottiglia per minimo 6 mesi, grazie ai quali si ottiene un bellissimo vino dal colore rosso rubino scuro con riflessi intensi. Il profumo è complesso, ricco, speziato e molto equilibrato, con sentori fruttati di mora, lamponi e prugna. Al palato si rivela strutturato, con tannini molto decisi, prorompenti ed evidenti, ma allo stesso tempo eleganti e gradevoli, che lo rendono adatto ad accompagnare superbamente piatti a base di carni rosse speziate, arrosti, selvaggina, insaccati saporiti e formaggi stagionati e piccanti.